fbpx

Mixed Signals: US Wages Belie End of Recession

Last week, it was confirmed that the US Consumer Price Index (CPI) rose 8.3% year-on-year. Given that July’s CPI of 8.5% was a little less than the previous month’s 9.1%, a continued downtrend would have been an indicator that US recession was showing signs of recovery. August’s number – in slight excess of forecasted estimates – this indicator doesn’t hold water. Since the announcement, the S&P 500 dropped 4.32% over the day.

In Bank of America’s Fund Manager Survey edition in July (which was discussed in an earlier article), it was estimated by the survey organizer that CPI month-on-month pivots has no means for reducing inflation rises by the end of the year.

One means of combating inflation would be for the US Federal Reserve raising rates to mop up the money supply. However, as per estimations made of CPI changes versus that in the Fed Rate, it would be around a year until CPI changes stabilize.

Now, an earlier article had indicated how data suggests that both the “working-class” population segment (i.e. predominantly those without a college degree) and the “middle-class” segment (i.e. predominantly those with a college degree) in the U.S. had been driven to consider debt as a primary spend versus consumption. This affects growth outlook in the U.S. economy that is already battling inflation woes. However, despite over a year of steady inflationary pressure, U.S. authorities have been unwilling to call the current period a recession. The primary reason for this is the U.S. job market: data indicates that unemployment is low, thus rationalizing their argument that there is no potential recession.

On a purely quantitative basis, this argument holds water. However, on a qualitative basis, this argument has some worrying trends to contend with. The first one is trends in CEO pay vs average pay. As per a study published by the Economic Policy Institute (EPI) in August 2021, CEO pay in the US has been skyrocketing relative to that of average worker pay (which includes both “working-class” and “middle-class” segments) since the mid-nineties.

In total terms, from 1978 to 2020, “realized” CEO compensation increased 1,322.2% — more than 60% faster than stock market growth (depending on the market index used) and substantially faster than the slow 18.0% growth in the typical worker’s compensation over the same period. From a relatively humble ratio of a little over 30X in the late seventies, this gap was 351X by the end of 2020. Also, interestingly, big pay gap highs have nearly always been followed by an economic downturn in the 21st century, following which the pay gap rationalizes to a degree.

The same study by EPI also examined evidence to conclude that CEO compensation grew much faster than the earnings of the top 0.1% of wage earners in the country, thus putting paid to arguments in some circles that increasing CEO compensation also implies a commensurate increase in pay of “productive workers”. For instance, data showed top 0.1% annual earnings growing 341% from 1978 to 2019, which is only a third as much as the 1,096% growth of our measure of realized CEO compensation for the same period. As of 2020, the gap between CEO pay gap was at a near-8 year high and trending further upwards.

In another study published in May this year that examined historical data, the EPI arrived at an interesting conclusion: low wage earners are less likely to leave an employer and seek higher wages elsewhere.

When this tendency was analyzed in residual terms (i.e. one that accounts for living costs across the board), it becomes clearer that low-wage earners and very high wage earners are less likely to while those in the “middle class” are more likely to. While very high wage earners are likely to have an inherent ownership interest, low wage earners typically used to find no significant upgrades in wages.

Given the middle class’ relative proximity to the top 0.1% wage earners and CEO – at least in terms of working relationships – this implies that the wage gap affects the middle class on a qualitative basis far more. However, in an inflationary setting, “labour elasticity”, i.e. an ability to jump from one employer to another, stiffens considerably. This leads to a phenomenon known as “non-engagement” wherein an employee does the bare minimum in order to remain employed and have no psychological connection to their workplace as opposed to those striving (“engaging”) to make personal gains via achievements. “Disengagement”, on the other hand, implies that employees feel their needs are not met.

Earlier this month, survey specialist Gallup published the results of a survey which showed an interesting phenomenon: while average disengagement has largely stabilized, average engagement has been dropping for nearly two years now.

During Q2 2022, the proportion of “engaged” workers remained at 32% while the proportion of “actively disengaged” increased to 18%. The ratio of engaged to actively disengaged employees is now 1.8 to 1, the lowest in almost 10 years. Managers, i.e. those more likely to be “middle class”, experienced the greatest drop in engagement. This means that 50% of the U.S. workforce is “not engaged”.

Given the trends in “engagement” loss, productivity now becomes incumbent on fewer and fewer people than ever before. The intertwining factors are thus: with rising inflation affecting input costs and high CEO/top 0.1% wage earners pay comes pressure on maintaining bottom lines. Maintaining wages along “other ranks” becomes the go-to option in many cases.

Interestingly, the US Federal Reserve’s Wage Growth tracker confirms this trend and adds a lot of interesting subtext to make inferences from.

Firstly, college degree holders – the “middle class” hasn’t experienced as great an increase in wages as “hourly wage” earners. This shows that, despite a lesser elasticity being imputed, the “working class” is both keenly affected by inflation and demanding a redressal in their situation. Secondly, “job stayers” – generally long-term “active engagers” – have seen the least wage increase while “job switchers” – generally “non-engaged” workers – have seen the highest increase in wages.

Qualitatively, “active engagers” tend to be have a positive impact on company profitability. Sacrificing them on the altar of expediency, if true, is a dire indicator for the outlook. There’s also another perspective: today’s “job switcher” is tomorrow’s “job stayer”. If “job stayers'” wages continue to flounder, increasing “active engagers” and stabilizing strong contributors will be increasingly difficult for companies. In this event, maintaining a positive outlook on corporate growth has yet another impediment.

Exchange-Traded Products (ETPs) offer substantial potential to gain magnified exposure with potential losses limited to only the invested amount and no further. Learn more about Exchange Traded Products providing exposure on either the upside or the downside to the S&P 500 as well as the upside or the downside to the Nasdaq-100.

Related Posts

Tesla valuations are sky high. Competition is heating up. What could go wrong?
Tesla valuations are sky high. Competition is heating up. What could go wrong?
A quick study on the effects of market behaviour on the returns of a 3X ETP vs a 2X ETP.
A quick study on the effects of market behaviour on the returns of a 3X ETP vs a 2X ETP.

Ricerca

Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categories
Education IT
ETPs
Featured IT
In the press IT
Insight IT
Market Insights IT
Research IT
WebsimIT

Violeta Todorova

Senior Research

Violeta è entrata a far parte di Leverage Shares nel settembre 2022. È responsabile dello svolgimento di analisi tecniche e ricerche macroeconomiche ed azionarie, fornendo pregiate informazioni per aiutare a definire le strategie di investimento per i clienti.

Prima di cominciare con LS, Violeta ha lavorato presso diverse società di investimento di alto profilo in Australia, come Tollhurst e Morgans Financial, dove ha trascorso gli ultimi 12 anni della sua carriera.

Violeta è un tecnico di mercato certificato dall’Australian Technical Analysts Association e ha conseguito un diploma post-laurea in finanza applicata e investimenti presso Kaplan Professional (FINSIA), Australia, dove è stata docente per diversi anni.

Julian Manoilov

Senior Analyst

Julian è entrato a far parte di Leverage Shares nel 2018 come parte della prima espansione della società in Europa orientale. È responsabile della progettazione di strategie di marketing e della promozione della notorietà del marchio.

Oktay Kavrak

Direttore

Oktay è entrato a far parte di Leverage Shares alla fine del 2019. È responsabile della crescita aziendale, mantenendo relazioni chiave e sviluppando attività di vendita nei mercati di lingua inglese.

È entrato in LS da UniCredit, dove è stato responsabile delle relazioni aziendali per le multinazionali. La sua precedente esperienza è in finanza aziendale e amministrazione di fondi in società come IBM Bulgaria e DeGiro / FundShare.

Oktay ha conseguito una laurea in Finanza e contabilità ed un certificato post-laurea in Imprenditoria presso il Babson College. Ha ottenuto anche la certificazione CFA.

Sandeep Rao

Research
Sandeep è entrato a far parte di Leverage Shares nel settembre 2020. È responsabile della ricerca sulle linee di prodotto esistenti e nuove, su asset class e strategie, con particolare riguardo all’analisi degli eventi attuali ed i loro sviluppi. Sandeep ha una lunga esperienza nei mercati finanziari. Iniziata in un hedge fund di Chicago come ingegnere finanziario, la sua carriera è proseguita in numerose società ed organizzazioni, nel corso di 8 anni – da Barclays (Capital’s Prime Services Division) al più recente Index Research Team di Nasdaq. Sandeep detiene un M.S. in Finanza ed un MBA all’Illinois Institute of Technology di Chicago.

Welcome to Leverage Shares

Termini e Condizioni Avviso Se non sei qualificato come Investitore Istituzionale, sarai classificato come investitore private/retail. In questo caso, non possiamo inviare comunicazioni direttamente agli investitori privati/retail. Siete invitati a visualizzare il contenuto di questo sito ed a registrare i vostri dati, in modo da poterli utilizzare in futuro, tuttavia non invieremo nessun documento direttamente. Se sei qualificato come “Investitore Professionale” confermi di essere un cliente professionale o che vuoi essere considerato un cliente professionale su richiesta, secondo la definizione della MIFID o di un ordinamento equivalente al di fuori dell’UE. Questo sito è gestito da Leverage Shares Management Company, una società a responsabilità limitata, registrata in Irlanda con sede legale: Grand canal Square 2, Grand Canal Harbour, Dublino 2. I contenuti di questo sito sono stati approvati da Resolution Compliance Limited, ai sensi della norma S21, del Financial Services and Markets Act del 2000. Resolution Compliance Limited è autorizzata e regolata da Financial Conduct Authority (FRN 574048) Le informazioni contenute in questo sito hanno esclusivamente scopo informativo e non costituiscono, per nessun motivo, consigli sugli investimenti, un’offerta di vendita o una sollecitazione all’acquisto. Questo sito non contiene nessun consiglio in merito ad alcun prodotto o investimento, né una consulenza legale, fiscale o di qualsiasi altro genere, tantomeno costituisce mezzo appropriato per prendere una decisione di investimento. Gli investitori potenziali dovrebbero rivolgersi ad un consulente indipendente ed informarsi in merito agli obblighi normativi, alle norme sui cambi valutari e la tassazione del loro paese. Questo sito è conforme ai requisiti normativi del Regno Unito. Potrebbero sussistere norme, nel tuo paese di nazionalità o residenza, oppure nel paese dal quale accedi a questo sito, che limitino l’accesso ai contenuti disponibili in questo sito. Visitatori dagli Stati Uniti Le informazioni fornite su questo sito non sono dirette ad alcuna persona proveniente o negli Stati Uniti, a nessuno stato degli stessi, o ad i suoi territori e possedimenti. Persone che accedono dall’Unione Europea L’accesso a questo sito è limitato ai non statunitensi. Le persone al di fuori degli Stati Uniti, ai sensi del Regolamento S, Securities Act degli Stati Uniti del 1933, come modificato (il “Securities Act”). Ogni persona che accede a questo sito, così facendo, riconosce che: (1) non è una persona statunitense (ai sensi del Regolamento S del Securities Act) e si trova al di fuori degli Stati Uniti (ai sensi del Regolamento S del Securities Act); e (2) tutti i titoli qui descritti (A) non sono stati e non saranno registrati ai sensi del Securities Act o con qualsiasi autorità di regolamentazione dei titoli di qualsiasi stato o altra giurisdizione e (B) non possono essere offerti, venduti, o altrimenti trasferiti, fatta eccezione per le persone al di fuori degli Stati Uniti, in conformità con la Norma S del Securities Act riguardante tali titoli. Nessuno dei fondi di questo sito Web è registrato ai sensi dell’Investment Advisers Act degli Stati Uniti del 1940, come modificato (l’”Advisers Act”). Esclusione di responsabilità Alcuni documenti resi disponibili sul sito Web sono stati preparati ed emessi da soggetti diversi da Leverage Shares Management Company. Ciò include qualsiasi documento del Prospetto. Leverage Shares Management Company non è responsabile, in alcun modo, del contenuto di tali documenti. Salvo i casi precedenti, le informazioni sul sito Web sono state fornite in buona fede ed ogni sforzo è stato fatto per garantirne l’accuratezza. Ciononostante, Leverage Shares Management Company non sarà responsabile per le perdite causate dall’affidamento posto sui contenuti presenti in qualsiasi parte del sito Web nè rilascia garanzie sull’accuratezza di ogni informazione o contenuto del sito Web. La descrizione di ciascun titolo ETP, a cui si fa riferimento in questo sito, è generale. I termini e le condizioni applicabili agli investitori saranno indicati nel Prospetto, disponibile sul sito Web e devono essere letti prima di effettuare qualsiasi investimento. Informativa sui rischi Il valore di un investimento in ETP può diminuire o aumentare e le performance passate non sono un indicatore affidabile delle performance future. La negoziazione di ETP potrebbe non essere adatta a tutti i tipi di investitori poiché comportano un elevato livello di rischio. Potresti perdere tutto il tuo investimento iniziale. Specula solo con denaro che puoi permetterti di perdere. Le variazioni dei tassi di cambio possono inoltre determinare un aumento o una riduzione del valore dell’investimento. Le leggi fiscali possono essere soggette a modifiche. Assicurati di aver compreso appieno i rischi. In caso di dubbi, consulta un consulente finanziario indipendente. Gli investitori devono fare riferimento alla sezione intitolata “Fattori di rischio” nel relativo prospetto per ulteriori dettagli su questi e altri rischi associati ad un investimento in titoli offerti dall’Emittente. Investimento con l’utilizzo della leva Gli Exchange Traded Products (ETP) di Leverage Shares forniscono un’esposizione con leva e sono adatti solo per investitori esperti con conoscenza dei rischi e dei potenziali benefici delle strategie di investimento con leva. Cookies Leverage Shares Management Company può raccogliere dati sul tuo computer, inclusi, se disponibili, il tuo indirizzo IP, il sistema operativo e il tipo di browser, per l’amministrazione del sistema e altri scopi simili (fai clic qui per ulteriori informazioni). Questi sono dati statistici sulle azioni e le abitudini di navigazione degli utenti e non identificano alcun singolo utente del sito. Ciò si ottiene con l’uso dei cookie. Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che viene messo sul tuo computer, se accetti. Facendo di seguito clic su “Accetto” acconsenti all’uso dei cookie, come descritto qui. Questi cookie ti consentono di essere distinto dagli altri utenti del sito, permettendo a Leverage Shares Company di offrirti un’esperienza migliore durante la navigazione nel Web e di migliorare il sito di volta in volta. Si noti che è possibile regolare le impostazioni del browser per eliminare o bloccare i cookie, ma potrebbe non essere possibile accedere a alcune sezioni del nostro sito Web senza di essi. Cliccando accetti i Termini e Condizioni visualizzati.