Elezioni US: clamore, fatti ed effetti sui mercati

Le elezioni americane sono il fulcro di un evento mediatico su larga scala – guidato dalla stampa statunitense e amplificato in tutto il mondo, grazie ai social media – che quasi sicuramente ha catturato l’attenzione dei mezzi di informazione e degli utenti di Internet in tutto il mondo.

I due partiti – il Partito Repubblicano del Presidente Trump e il Partito Democratico di Joe Biden – hanno pubblicamente rilasciato posizioni di politica economica che concordano ampiamente nel rimarcare la crescita industriale interna e differiscono notevolmente sulle politiche relative al cambiamento climatico. Tuttavia, gli effetti quasi recessivi della pandemia in corso ed il ruolo eccessivo dei Big Tech nella campagna elettorale di entrambi i contendenti non hanno ricevuto, praticamente, nessuna dichiarazione sfumata dalle parti, il che è abbastanza significativo.

Le domande fondamentali, che la maggior parte delle persone in generale e gli investitori in particolare si pongono (e verranno contestualizzate in questo articolo), sono tre:

  1. Quanto sono accurati i sondaggi sull’esito delle elezioni?
  2. Quanto credito si deve dare al “clamore” delle opinioni, visibili in ogni angolo del mondo interconnesso di oggi?
  3. Quali sono i probabili effetti del risultato elettorale sui mercati finanziari?

Sondaggi vs Elezioni

I sondaggi sono chiari nel prevedere che il presidente in carica Trump sia destinato ad essere detronizzato dal politico democratico di lungo termine Joe Biden, vicepresidente in entrambi i mandati del presidente Barack Obama.

Sebbene sia disponibile una miriade di sondaggi, Real Clear Politics, un’agenzia curata dal Financial Times, indica che Biden dovrebbe superare il presidente Trump con un margine dell’8%.

Vale la pena notare che Real Clear Politics ha indicato che la senatrice Hillary Clinton avrebbe vinto con il 46,8% dei voti popolari nel 2016 contro il 43,6% dell’attuale presidente Trump.
Ad ogni modo, il numero effettivo di voti popolari dipinge un quadro leggermente diverso: il senatore Clinton ha ricevuto 65.853.514 voti (51,11%) mentre il presidente Trump ha ricevuto 62.984.828 (48,89%), un margine di differenza (o errore) rispettivamente del 4,3% e del 5,3%.

Le elezioni americane sono un processo in due fasi. Ogni stato conta i suoi voti popolari secondo le proprie leggi per designare gli elettori presidenziali. In 48 stati, oltre a Washington DC, chi ottiene la maggioranza dei voti riceve tutti gli elettori di quello stato; nel Maine e in Nebraska, due elettori vengono assegnati in questo modo mentre i rimanenti vengono assegnati in base ai voti in ogni distretto elettorale. L’elezione del Presidente e del Vicepresidente viene quindi effettuata da questo organo designato come “Collegio elettorale”, che consiste di 538 elettori dei cinquanta stati più Washington, DC Gli elettori sono selezionati stato per stato, come determinato dalle leggi di ciascuno di essi. I sei stati con il maggior numero di elettori sono la California (55), il Texas (38), New York (29), la Florida (29), l’Illinois (20) e la Pennsylvania (20).

Alcuni stati richiedono agli elettori di agire in conformità con la “volontà pubblica”, promettendo di votare per il partito che ha prevalso nel voto popolare di quello stato. Tuttavia, questo impegno può essere infranto diventando un “elettore infedele”, cioè un elettore che decide di non mantenere il proprio impegno, votando contrariamente a detta “volontà pubblica”.

Nel 2016, tuttavia, il presidente Trump ha ricevuto 304 voti contro i 227 di Clinton, con sette elettori che hanno disertato per altre scelte (2 da Trump, 5 da Clinton). Anche senza elettori infedeli, non c’era possibilità che la senatrice Clinton ottenesse la presidenza.

La storia del voto del collegio elettorale indica che quest’ultimo non varia ampiamente nel comportamento rispetto ai voti popolari. Il Pew Research Center – un think-tank apartitico che conduce sondaggi, ricerche demografiche e ricerche sugli studi sociali come organizzazione non-profit registrata – ritiene che semplicemente ingrandisce la vittoria di un candidato in modo generalizzato, cioè in ogni stato rispetto ad un conteggio totale.
Nel 2016, il presidente Trump ha vinto diversi grandi stati (come Florida, Pennsylvania e Wisconsin) con margini molto stretti, ottenendo tutti i loro voti elettorali nel processo, anche se la senatrice Clinton ha conquistato altri grandi stati (come California, Illinois e New York) con margini molto più ampi. Questo ha cementato il suo percorso verso la vittoria nel 2016.

Nel 2020, in base ai dati di Real Clear Politics, il presidente Trump ha le stesse possibilità del 2016. La maggior parte dei sondaggi varia intorno a questo numero, senza differenze significative l’una dall’altra. Fino a poco tempo fa, solo due agenzie avevano mostrato il presidente Trump in vantaggio su Joe Biden: Rasmussen Reports ed Emerson. Anche queste due eccezioni hanno indicato una vittoria di Biden negli ultimi tempi.

Che dire riguardo il margine di errore? La chiave per comprendere risiede nella differenza tra le persone intervistate e le persone votanti. Nel 2016, c’erano 250.056.000 persone in età di voto negli Stati Uniti, di cui 138.847.000 (55,5%) sono andate a votare. I sondaggi in genere intervistano dai 1.000 ai 5.000 partecipanti telefonicamente, tramite moduli di sondaggio o tramite panel online. Courtney Kennedy, direttore del Survey Research presso Pew, delinea i seguenti punti chiave dei sondaggi:

  1. Un sondaggio può definirsi “rappresentativo a livello nazionale”, ma non è una garanzia che la sua metodologia sia solida.
  2. Il vero margine di errore è spesso circa il doppio di quello riportato.
  3. Non riuscire ad adeguarsi al livello di istruzione degli intervistati è una carenza squalificante nel terreno di scontro attuale e nei sondaggi nazionali.

Il terzo punto aggiunge una sfumatura sostanziale per quanto riguarda i sondaggi. Poiché le persone con livelli più elevati di istruzione hanno maggiori probabilità di partecipare a sondaggi e di autoidentificarsi come Democratici, esiste la possibilità per i sondaggi di rappresentare in modo eccessivo il partito Democratico. C’è un chiaro invito ad adeguare la ponderazione dei sondaggi per fornire un verdetto più accurato di quello riportato nel 2016. Al momento, non vi è alcuna chiara indicazione che ciò sia stato attuato dalle agenzie elettorali per le elezioni del 2020.

Quanto sono importanti gli elettori bianchi? Secondo Pew, nel 2018 gli elettori bianchi rappresentavano il 67% dell’elettorato, gli elettori ispanici e neri il 13% ciascuno mentre gli asiatici e gli “altri” rappresentavano rispettivamente il 4% e il 3%. Tuttavia, la maggiore crescita nel conteggio degli elettori idonei è stata tra gli elettori ispanici, neri e asiatici.

Sostanzialmente ogni popolazione è stata esaminata, registrando un aumento di voto.
A partire dal 2018/19, praticamente tutti i gruppi demografici sono rimasti stabili nei sondaggi riguardo la loro inclinazione politica, ad eccezione degli elettori asiatici.
Tuttavia, qui c’è una parola chiave che emerge: “intervistato”. Come già sottolineato, il fattore di ingrandimento da, diciamo, 5.000 risposte a quasi 139 milioni è destinato ad essere problematico.

Con il voto per corrispondenza consentito in diversi stati a causa della pandemia di coronavirus, ci si può ragionevolmente aspettare che la discrepanza tra sondaggi / indagini e risultati sia maggiore. Mentre alcuni organi di stampa hanno indicato che i voti per corrispondenza significano un leggero vantaggio per i Democratici, ci sono alcuni rapporti secondo cui i repubblicani si presentano in vantaggio in stati come Pennsylvania, Florida e North Carolina nei primi turni. Anche nel Michigan – altro stato chiave nel terreno di battaglia – è stato notato che i primi elettori che si identificano come repubblicani sono sostanzialmente più numerosi di quelli che si identificano come democratici. Altri rapporti indipendenti indicano come la popolarità del presidente Trump (o quella del partito repubblicano) tra gli elettori neri e ispanici sia piuttosto sottorappresentata nei sondaggi e nei questionari.

Battage contro dati di fatto

Negli ultimi anni, l’attività dei media negli Stati Uniti è stata accusata sempre di più di essere assolutamente di parte. Osservatori occasionali, di ogni parte del mondo, noterebbero come questo fenomeno sia stato particolarmente pronunciato durante le elezioni Trump / Clinton nel 2016. I risultati delle elezioni del 2016 hanno lasciato sbalorditi numerosi esperti (con la reazione di molti catturata in diretta, per la gioia sia degli accusatori di questi media che dei sostenitori del presidente Trump). In questo ciclo elettorale, così come nel suo attuale mandato, la stragrande maggioranza dei reportage riguardanti il presidente Trump e le sue prospettive sono state assolutamente negative.

Secondo Morning Consult, una società specializzata nell’analisi dei dati, e The Hollywood Reporter, una pubblicazione storica che si concentra sui media e l’intrattenimento, la credibilità di quasi tutti i notiziari americani è crollata, durante l’ascesa del presidente Trump.
I risultati di questo sondaggio indicano (senza sorprese) anche una disparità nelle prospettive degli elettori: gli intervistati democratici hanno, in generale, una visione più favorevole dei media, contrariamente ai repubblicani. Un aspetto interessante, tuttavia, è che Fox News – un mezzo di informazione considerato radicato nel campo repubblicano – riceve valutazioni positive, in modo pressoché identico, sia dagli intervistati repubblicani che democratici.

Fox News si presenta come leader anche nella categoria più seguita negli Stati Uniti. Nel febbraio 2020, Fox News ha ottenuto i più alti punteggi dei suoi 24 anni di storia e, per il 44 ° mese consecutivo, è stato il canale di notizie via cavo più seguito. Con una media di 3,53 milioni di spettatori, fa impallidire sia MSNBC che CNN che, insieme, non raggiungono gli stessi numeri. Fox News è risultata prima anche nella fascia, altamente redditizia, compresa tra i 25 ei 54 anni (con numeri superiori sia a MSNBC che a CNN messi insieme), con uno share di spettatori del 27%, quando gli altri hanno subito un calo.

Seguendo l’ascesa continua dei social media – con diverse centinaia di streamer di YouTube e celebrità di Instagram che accumulano milioni di “Like” e di dollari e con Twitter che fornisce una facile via per fare la stessa cosa con la diffusione di opinioni, sia apprezzate che non – c’è una tendenza tra molti osservatori occasionali ed utenti dei social media ad equiparare “hashtag”, “tendenze” e “memi” con la realtà. Il presidente Trump di sicuro non è un vincitore nemmeno sui social media. In un sondaggio dell’agosto 2018 condotto da Statista, un fornitore globale di dati sul mercato e di contenuti con sede negli Stati Uniti, il 61% degli intervistati ha dichiarato che l’uso di Twitter da parte di Trump, in qualità di presidente degli Stati Uniti, è stato inappropriato.

Tuttavia, il valore dell’opinione dei social media, rispetto al punto di vista complessivo dell’elettorato, deve essere ulteriormente contestualizzato. Su un numero totale stimato di utenti di 264,75 milioni, gli utenti Twitter americani sono 62,55 milioni (il 24%), seguiti da Giappone e India, rispettivamente secondi (19%) e terzi (6%).
Inoltre, quando si tratta di utenti statunitensi, i sondaggi Pew nel 2019 hanno stabilito che solo il 22% degli adulti americani utilizza Twitter. Facebook, d’altra parte, è un evidente vincitore in tutte le categorie.
Un ulteriore studio ha rivelato che il solo 10% dei “Tweeters” americani rappresentava l’80% dei contenuti generati, spesso focalizzati più sulla politica ed erano per lo più donne. Inoltre, gli utenti di Twitter americani erano più giovani, più propensi a identificarsi come democratici, più istruiti e avevano redditi in media più elevati rispetto agli adulti USA. Ad esempio, è più probabile che gli utenti di Twitter affermino che gli immigrati rafforzano piuttosto che indeboliscano il paese e che vedono prove di disuguaglianze razziali e di genere nella società (Nota: entrambi questi punti sono in contrasto con l’ideologia repubblicana, che è più diffidente nei confronti dell’immigrazione e contesta la preponderanza della disuguaglianza nella società attuale).
eMarketer, una società di data intelligence che collabora con Business Insider, stima che il numero di utenti Twitter americani dovrebbe rimanere perlopiù invariato nei prossimi anni.
Mettere insieme i due numeri (utenti americani attivi e utenti americani top) implica che circa 6 milioni di utenti costituiscono la maggioranza dei contenuti USA di Twitter. Ipotizzando una spaccatura lungo le linee partigiane, con i Democratici che presumibilmente hanno un leggero vantaggio, si può (forse generosamente) presumere che circa 4 milioni di utenti si allineino con i Democratici.

Data la situazione politica polarizzata, non dovrebbe sorprendere come un enorme 90%, tra gli intervistati di inclinazione repubblicana del sondaggio Pew, ritenga che le aziende tecnologiche promuovano la censura delle loro opinioni (avvisi simili riecheggiano tra utenti di destra in molte parti del mondo nei sondaggi e negli editoriali). Com’era prevedibile, la maggioranza degli intervistati di inclinazione democratica non crede che le aziende tecnologiche promuovano la censura, né etichetta i loro contenuti come “fuorvianti” e così via, in opposizione diretta agli intervistati di tendenza repubblicana.
Questa opinione è stata di certo rafforzata ulteriormente quando il dirigente di Facebook Andy Stone – egli stesso un funzionario di lunga data del Partito Democratico prima di entrare a far parte della società – ha segnalato che una notizia del New York Post (un quotidiano americano) che riportava di presunte tangenti ricevute da un membro della famiglia Biden. da una serie di entità con sede all’estero – che vanno da un’importante azienda energetica ucraina, ad un’azienda energetica cinese ed alla moglie dell’ex sindaco di Mosca – conteneva irregolarità. Quasi immediatamente, la condivisione dell’URL della storia su Facebook e successivamente Twitter ha posto dei divieti nei confronti dell’utente. I commentatori conservatori ed il pubblico si sono affrettati a sottolineare come l’articolo del quotidiano – il cui account Twitter è stato pure bloccato – fosse un esempio di “giornalismo investigativo” che avrebbe dovuto essere protetto, allo stesso modo in cui i giganti dei social media hanno protetto le denunce fatte da Wikileaks . Altri commentatori sono addirittura arrivati a dire che si trattava di un “contributo in natura” della Big Tech ai Democratici.

[Nota: mentre il divieto di condividere l’URL è stato successivamente revocato, al New York Post è stato impedito di connettersi con i suoi follower di Twitter fino a quando non eliminano i tweet che hanno condiviso la notizia del 14 ottobre. Il New York Post non ha ottemperato, continuando invece a pubblicare un articolo, il 17, che delineava un odio profondo e pubblicamente dichiarato per il presidente Trump tra numerosi di dirigenti di Twitter.]

Dati tutti i fatti dichiarati, si può facilmente arrivare alla conclusione che le opinioni di una larga fetta della popolazione votante non sono adeguatamente rappresentate sui social media per ottenere dei parametri decenti sulle effettive scelte di voto. Allo stesso tempo, si può anche sostenere che il numero di spettatori di Fox News, sebbene acquisiti in modo più elegante dalle formule collaudate di Nielsen, potrebbero non essere indicativi delle scelte di voto degli aventi diritto. In fin dei conti, la capacità degli “influencer” – siano essi sullo schermo di una TV o di uno smartphone – di influenzare la maggioranza della popolazione votante negli Stati Uniti rimane discutibile e non quantificabile.

View di mercato

Indicatori della “paura del mercato” sono I CBOE Volatility Indices, con il VXN relativo al Nasdaq 100 – un indice fortemente tech – and the VIX relativo allo S&P 500. Sia il VXN che il VIX sono attualmente attorno a 30.
Mentre le migliori società tecnologiche costituiscono un quarto dello S&P 500 e quasi la metà del Nasdaq 100, la “paura” relativamente più alta nel VXN indica che ci sono alcune preoccupazioni sul futuro dei Big Tech ma non abbastanza da renderlo concretamente volatile e imprevedibile, come quando è scoppiata la pandemia a livello globale.

La preoccupazione per i Big Tech può essere riassunta da due iniziative che potrebbero benissimo precisare come andranno le cose in questo settore:

  1. La Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha confermato a metà settembre che stava valutando la possibilità di intentare una causa antitrust contro Facebook entro la fine del 2020.
  2. Il 21 ottobre il governo federale degli Stati Uniti ha intentato una causa antitrust contro Google, insieme a 11 stati governati dai repubblicani, sostenendo che la società stava soffocando la concorrenza per mantenere la sua posizione sul mercato.

Si può anche presumere che le azioni di Twitter ed il comportamento ben documentato dei suoi dirigenti sarebbero motivo per una serie di azioni legali contro la società, che potrebbero benissimo includere il punto di vista dell’antitrust a causa della sua posizione dominante sul mercato.

All’inizio di maggio di quest’anno, sia in Canada che negli Stati Uniti erano in corso i preparativi per presentare una serie di azioni legali contro Amazon con l’accusa per la società di aver violato le leggi sulla concorrenza, penalizzando i venditori terzi che offrono i loro prodotti a prezzi inferiori su altre piattaforme. Anche questo porta con sé la minaccia di contenzioso antitrust che potrebbe essere perseguito dal governo (Nota: il CEO di Amazon Jeff Bezos è anche il proprietario del Washington Post, un giornale fermamente anti-Trump in cui accuse di inesattezze e pregiudizi si sono intensificate in seguito all’acquisto da parte di Bezos).

Questa recente serie di azioni segna un cambiamento epocale nell’ideologia repubblicana, tradizionalmente a favore della deregolamentazione per quanto riguarda gli interessi aziendali. D’altra parte, i Democratici – una volta convinti sostenitori della posizione esattamente opposta – si sono fermati prima di sposare questa forma di intervento normativo sui Big Tech durante questa campagna elettorale. L’unico ostacolo si è rivelata la senatrice Elizabeth Warren, la cui proposta per dividere i Big Tech non ha trovato acquirenti tra i principali contendenti democratici, tra cui Joe Biden e il suo candidato alla vicepresidenza, la senatrice Kamala Harris.

Non è un grande sforzo presumere che, se i Democratici vincessero, l’azione antitrust proposta avrebbe un impatto minimo o nullo sul dominio del mercato dei Big Tech. D’altra parte, se ci fosse una disgregazione dei Big Tech, ci sarebbe una rivitalizzazione dei sotto-settori dei Social Media, delle vendite al dettaglio online e della ricerca sul settore Tech, a lungo monolitici.

Sotto l’amministrazione Trump, non è stato offerto alcun aiuto sostanziale al settore finanziario. La situazione potrebbe benissimo cambiare sotto Joe Biden, che per molto tempo ha ricevuto sostegno per la sua campagna da nomi di spicco del settore dei servizi finanziari.
Riepilogo

I cinque suggerimenti per un investitore in questa peculiare elezione negli Stati Uniti possono essere riassunti come segue:

  1. I sondaggi probabilmente non rappresentano demograficamente la popolazione e non c’è modo di stimare con precisione come l’opinione pubblica americana voterà in queste elezioni;
  2. Il battage sui social media non riflette necessariamente la realtà e qualsiasi allineamento con il risultato effettivo può essere tranquillamente considerato un falso positivo;
  3. Una posizione short sui Big Tech potrebbe pagare elevati ritorni, a seconda del risultato, e non solo perché il settore tecnologico è attualmente considerato sopravvalutato;
  4. Non lasciare che il battage influenzi te o le relazioni con chi ti circonda e non lasciare che ti dia notti insonni o ansia;
  5. Ed infine:, Keep calm and carry on!

Riferimenti: :
  1. “Comparing the Economic Plans of Trump and Biden” – Investopedia, October 23, 2020
  2. “Trump’s victory another example of how Electoral College wins are bigger than popular vote ones” – Pew Research Center, December 20, 2016
  3. “Key things to know about election polling in the United States” – Pew Research Center, August 5, 2020
  4. “The Changing Racial and Ethnic Composition of the U.S. Electorate” – Pew Research Center, September 23, 2020
  5. “News Media Credibility Rating Falls to a New Low” – Morning Consult, April 22, 2020
  6. “Countries with the most Twitter users 2020” – Statista, July 24, 2020
  7. “Share of U.S. adults using social media, including Facebook, is mostly unchanged since 2018” – Pew Research Center, April 10, 2019
  8. “Sizing Up Twitter Users” – Pew Research Center, April 24, 2019
  9. “Most Americans Think Social Media Sites Censor Political Viewpoints” – Pew Research Center, August 19, 2019

Ricerca

Search
Generic filters
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in excerpt
Filter by Categories
Education IT
ETPs
Featured IT
Insight IT
Market Insights IT
Research IT